en pl ru de it fr es
Buy & Download
Video
I-16 Type 24 / I-153 P
IL-2 / IL-2M / IL-4 / IL-10
La-5FN / La-7
Li-2
Po-2
Yak-1B / Yak-3 / Yak-9T

Aerei
USSR
IL-2

Il famoso IL-2 Sturmovik era un velivolo da attacco sovietico della Seconda guerra mondiale creato dall'Ufficio di progettazione Ilyushin e soprannominato «Gobbo» dalle truppe dell'Armata Rossa, per via della particolare forma della fusoliera. I progettisti soprannominarono la loro creazione «Carro armato volante», mentre i piloti della Luftwaffe, per l'incredibile capacità dell'IL-2 di sostenere i danni in battaglia, lo chiamavano «Betonflugzeug» o «Aereo di cemento». Le truppe di terra tedesche, invece, dimostravano timore e disprezzo per l'IL-2, affibbiandogli un gran numero di appellativi sgradevoli quali «Schlachter» (Macellaio), «Fleischwolf» (Tritacarne), «Eiserner Gustav» (Gustavo di ferro) e «Schwarzer Tod» (la Morte Nera). Alcuni storici ritengono che la «Morte Nera» fosse un'invenzione riuscita della macchina propagandistica sovietica che fece presa sui tedeschi.


L'IL-2 è stato il velivolo militare più prodotto in serie della storia. Agli inizi della guerra, tuttavia, la superiorità aerea tedesca, l'assenza di mitraglieri posteriori sulle prime varianti e l'inadeguata organizzazione delle scorte di caccia sovietici causarono ingenti perdite di aerei. Una delle tattiche di attacco più usate dai piloti di IL-2 era una procedura di attacco a bassa quota in cui venivano prima sganciati razzi a 600-700 metri, per poi fare fuoco con gli armamenti a bordo da una distanza di 400-600 metri. Le bombe venivano poi sganciate nei passaggi successivi da 100-200 metri di quota, usando un detonatore a impatto. La tattica consigliata per attaccare gruppi di bersagli non corazzati consisteva nel mitragliare in picchiata poco profonda da 100-200 metri per poi sganciare le bombe a bassa quota in uscita dalla picchiata.

Activate game


Twitter Facebook WarThunder Play for Free


Copyright 2009—2021 by Gaijin Entertainment Corporation, VA, USA
Wings of Prey is trademark of Gaijin Entertainment Corporation, all other logos are trademarks of their respective owners.

Created in ArtVisio